News

Novità in vista per materiali post consumo riciclati e aggregati riciclati

Il collegato ambientale prevede la possibilità di incentivi per la produzione e commercializzazione e per l’utilizzo nei bandi di gara.

L’art. 23, comma 2, lett. a) e b) della legge 221-15, infatti, al fine di promuovere il risparmio e il riciclo di materiali, stabilisce che il ministero dello Sviluppo economico possa stipulare appositi accordi e contratti di programma con imprese, enti pubblici, soggetti pubblici o privati, associazioni di categoria, eccetera che abbiano ad oggetto l’erogazione di incentivi sia per la produzione di prodotti derivanti da materiali riciclati post consumo o dal recupero degli scarti e dei materiali provenienti dal disassemblaggio dei prodotti complessi, sia per la commercializzazione di aggregati riciclati marcati Ce e definiti secondo le norme Uni En 13242:2013 e Uni En 12620:2013.

Nel primo caso la presenza delle percentuali di materiale riciclato e post consumo può essere dimostrata tramite la certificazione di enti riconosciuti. Inoltre è previsto che nei bandi di gara vi siano criteri di valutazione delle offerte con punteggi premianti per i prodotti contenenti materiali post consumo o derivanti da scarti, la cui entità sarà definita entro 6 mesi tramite la pubblicazione di un decreto del ministero dell’Ambiente.

indietro

Condividi

ICMQ è organismo di certificazione di terza parte accreditato da Accredia e specializzato nel settore dell’edilizia e delle costruzioni.