Operatori post contatore Gas

Operatori post contatore Gas

ICMQ è accreditato da Accredia per certificare in base alla norma UNI 11554 gli operatori che intervengono sugli impianti civili alimentati a gas da reti di distribuzione (caldaie di civile abitazione) - ma anche sugli impianti per la climatizzazione degli edifici, la produzione di acqua calda sanitaria (anche centralizzata) e la cottura - installati in abitazioni, condomini, luoghi di ospitalità professionale e comunità. La norma non si applica invece agli impianti a gas destinati alla produzione industriale e artigianale e agli impianti che alimentano apparecchiature con portata termica nominale superiore a 1000 kW.
La certificazione, volontaria, può essere richiesta solo da operatori che svolgono le attività per conto di imprese già abilitate ai sensi del DM 37/2008 e può essere rilasciata nelle seguenti specializzazioni, definite nella norma UNI: Responsabile tecnico (profilo A), Installatore (profilo B), Manutentore (profilo C).

Per ognuno di questi profili vi sono due livelli di certificazione, in funzione della portata termica degli apparecchi asserviti e della pressione di alimentazione:

  • 1° livello: impianti al servizio di edifici adibiti a uso civile per l’utilizzazione dei gas combustibili appartenenti alla 1a, 2a e 3a famiglia, a valle del punto di inizio, asserviti ad apparecchi aventi portata termica nominale singola maggiore di 35 kW (o complessiva maggiore di 35 kW se installati a batterie) e alimentati a pressione non maggiore di 0,5 bar;
  • 2° livello: impianti domestici e similari per l’utilizzazione dei gas combustibili appartenenti alla 1a, 2a e 3a famiglia, a valle del punto di inizio, asserviti ad apparecchi aventi portata termica nominale singola non maggiore di 35 Kw.

In conformità alla norma UNI, l’esame per ottenere la certificazione è costituito da tre prove - una prova scritta a risposta multipla, una prova pratica e una prova orale - e può essere sostenuto contemporaneamente per più di uno dei tre profili specialistici previsti. Il certificato ha durata triennale, al termine del quale va rinnovato.
La certificazione permette all’operatore di dimostrare al mercato una professionalità garantita da un ente terzo, anche a tutela del consumatore.
Il certificato ha una validità di otto anni, al termine dei quali ICMQ effettua un riesame del mantenimento dei requisiti.

Condividi