Saldatori

Saldatori e procedimenti di saldatura

ICMQ è accreditato da Accredia per la certificazione dei saldatori in conformità alle norme della serie EN ISO 9606 (parti 1, 2, 3, 4 e 5), che riguardano la saldatura per fusione di acciai, alluminio, rame, nickel, titanio, zirconio e relative leghe. Certifica inoltre brasatori per la brasatura forte in base alla norma EN ISO 13585 e operatori per la saldatura robotizzata in base alla norma EN ISO 14732.

La certificazione è obbligatoria per alcune attività ritenute critiche, definite dalle norme tecniche (DM 14/01/2008), oppure se richiesta dalla committenza.
Per ottenere il certificato il saldatore deve sostenere un esame pratico, in quanto nelle attività di saldatura sono molto importanti l’esperienza e la manualità; è previsto anche un esame teorico facoltativo, se esplicitamente richiesto. Gli esami vengono svolti sul territorio nazionale anche attraverso organismi di valutazione qualificati da ICMQ oppure, come previsto dalle norme, direttamente presso le aziende richiedenti.

La durata del certificato varia da due a sei anni a seconda della norma di riferimento. In alcuni casi, la validità può essere prolungata per ulteriori periodi di due anni, purché le saldature eseguite siano della qualità richiesta e la registrazione delle prove (controlli radiografici, prove di frattura, relazioni del supervisore) sia allegata al certificato.

ICMQ - certificazione personale - Saldatori e procedimenti di saldatura
Condividi

ICMQ è accreditato da Accredia per certificare chi esercita professioni per le quali sono state pubblicate norme UNI di qualifica delle competenze.

Richiedi informazioni

Contattaci